La notte delle stelle cadenti all’osservatorio astronomico di San Valentino Gummer

0 Shares
0
0
0

La notte di San Lorenzo o notte delle stelle cadenti è il giorno dell’anno, che cade il 10 agosto, in cui storicamente era più visibile la caduta dei frammenti della cometa Swift-Tuttle che ogni anno in questo periodo incrocia la sua orbita con quella terrestre. In realtà è la terra che incrocia l’orbita con lo sciame meteorico della cometa che orbita intorno al sole. L’evento dura diversi giorni e oggi ha il suo picco nella notte tra il 12 e 13 agosto. Per poter ammirare bene il fenomeno è altresì necessario che la luna sia tramontata, diversamente i raggi riflessi del sole rendono il cielo troppo luminoso.

Il 10 agosto 2019 c’è stato, come ogni anno, l’evento “porte aperte” al Planetarium Südtirol Alto Adige di Gummer – San Valentino e all’osservatorio astronomico Max Valier.

Al Planetarium, che è una sorta di piccolo cinema con il soffitto a cupola dove dei proiettori digitali mostrano quanto avviene nel cielo, un astronomo ci ha spiegato perché avviene questo fenomeno e dove si osserva meglio.

All’osservatorio invece altri astrofili mostravano i pianeti attraverso le potenti lenti dei telescopi.

Purtroppo il cielo nuvoloso e la luna ha impedito di godere sia delle stelle cadenti che dell’osservazione della via lattea che ormai è visibile solo da luoghi come questo lontani dall’ormai elevatissimo inquinamento luminoso.

Ho cercato di fare qualche scatto al cielo ma con poco successo. Sono riuscito solo a congelare una unica stella cadente solitaria che per compassione verso le tante persone sul prato adiacente all’osservatorio ha fatto capolino. L’osservazione del cielo, standosene sdraiati a terra in una notte di mezza estate è comunque emozionante.

Ci si sente proprio piccoli di fronte alla infinita vastità dell’universo.

0 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like